Sulle tracce di Andrea Palladio: Villa Barbaro a Maser

«Ogni volta che affronto le Ville Venete il tempo è pessimo»: è esattamente quel che ho pensato quando sono arrivata a Villa Barbaro, nel piccolo paesino di Maser (TV).
La giornata non è stata delle migliori: raffiche di acqua si sono alternate a momenti di tregua, lasciando il paesaggio avvolto da una strana luce.
E la campagna veneta, si sa, si trasforma così in un panorama piatto animato solo da due cromie: il verde  dei campi e il bianco-grigio dei cieli.

Villa Barbaro si affaccia sulla strada principale di Maser e l’impatto visivo è notevole.
Andando gradualmente con lo sguardo dal basso verso l’altro, una volta superati i giardini non si può non scorgere la facciata della villa, il cui corpo centrale è accompagnato ai lati da due barchesse.

Ieri come oggi, la villa è al centro al centro di una fiorente azienda agricola i cui vini sono esportati in tutto il mondo: per chi lo desidera, è infatti possibile prenotare oltre ad una visita anche una degustazione di prodotti locali.
Sebbene sia nata come una splendida abitazione di campagna consona allo studio delle arti e alla contemplazione intellettuale, osservando i terreni circostanti è facile immaginare la famiglia Barbaro sorseggiare un vino delle campagne mentre ammira il ciclo di affreschi di Paolo Veronese che decorano la villa.

Risalente alla metà del Cinquecento, la sua costruzione fu affidata ad Andrea Palladio dai fratelli Barbaro, Daniele e Marcantonio, che contribuirono con forti personalizzazioni alla realizzazione del progetto.
È questa anche la prima villa veneta aperta al pubblico, già negli anni Trenta del Novecento, e ad oggi è abitata dagli attuali proprietari: per preservarne la privacy non è possibile scattare foto all’interno.
Dalla villa scende un’ampia scalinata, affiancata dai semplici giardini un tempo arricchiti da siepi in bosso disposte a formare eleganti disegni secondo la moda italiana.

Tuttavia, allo spettacolo degli affreschi interni si contrappone la bellezza del giardino segreto, ornato da una peschiera e dall’esedra del ninfeo.
Anche quest’ultimo ricorda la struttura di un tempio: sopra il fronte semicircolare decisamente allungato, arricchito di stucchi e statue inserite in nicchie a esedra e rettangolari, si innalza un basso timpano.

Osservando la villa dai giardini, l’ingresso principale per visitarla è posto sulla destra, dove alcune piante e delle rose rampicanti hanno trovato il loro habitat adornando le mura laterali.


Villa Barbaro
Via Cornuda 7, Maser (TV)
Sito internet per informazioni: Villa di Maser

  1. Pingback: Sulle tracce di Andrea Palladio: Villa Almerico Capra a Vicenza | Evh Goes Around

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: